La Mossa Della Fed.

fed
Come ampiamente previsto da noi e dal mercato, il Federal Open Market Committee ha deciso di mantenere il target per il punto di riferimento del tasso sui fondi federali dallo 0,25% al ​​0,5%. Tuttavia, il mercato auspicava che Janet Yellen rilasciasse una dichiarazione più aggressiva, ribadendo la fiducia della Fed nella forza dell’economia degli Stati Uniti. È successo il contrario. Secondo le proiezioni che accompagnavano la dichiarazione, la Fed ha abbassato la sua previsione di crescita dal 2,4% al 2,2% per il 2016 e al 2,1% dal 2,2% per il 2017. Sul fronte dell’inflazione, la previsione PCE è stata abbassata all’1,2% dall’1,6% per il 2016 , mentre la proiezione media per la valutazione centrale è rimasta invariata all’1,6%. Ma ancora più importante, il dato sulla proiezione media per il tasso di riferimento sceso allo 0,875% alla fine del 2016 a fronte delle previsioni all’1,375% nel mese di dicembre, il che implica solo due aumenti dei tassi entro la fine dell’anno, invece di quattro. Janet Yellen ha citato i rischi posti dagli sviluppi economici e finanziari globali. Di conseguenza, il dollaro USA ha registrato una vendita massiccia in quanto il mercato aveva messo in conto una dichiarazione e proiezioni più aggressive. L’EUR/USD è in aumento di quasi due cifre a 1,1240 nel bel mezzo della pubblicazione.
Tuttavia, i maggiori vincitori di ieri sono le valute delle materie prime sostenute dal rally del greggio. Da mercoledì mattina il West Texas Intermediate è aumentato di oltre il 7% ed è ora scambiato a 39,30 USD al barile. L’oro è salito di quasi il 3% durante l’intervento di Janet Yellen, mentre l’argento è salito del 2,90%. Durante la notte, il minerale di ferro è stato anche meglio offerto con i contratti future più liquidi sulla borsa merci di Dalian in ascesa del 2,53% a 426 yuan/ton. Anche i futures sul rame sono stati negoziati a livelli più alti, fino al 2,15%. A Wellington, il dollaro neozelandese è salito del 3,60% a fronte del biglietto verde con gli operatori che avevano messo in conto un rialzo meno netto dei tassi da parte della Fed. Il dollaro neozelandese ha cancellato le perdite della scorsa settimana ed è tornato ai suoi livelli antecedenti al taglio dei tassi da parte della RBNZ a circa 0,6825 USD. Al contempo, il dollaro australiano ha recuperato ampiamente a 0,7645 USD convalidando infine una violazione del livello di resistenza a 0,7440 (massimo dall’11 agosto dello scorso anno).
Il comparto dei mercati emergenti ha anche reagito positivamente alla prospettiva di un periodo più esteso di basso tasso degli Stati Uniti con le valute dei mercati emergenti che registrano netti guadagni. La rupia indiana guadagna lo 0,83%, il won sudcoreano è salito dell’1,70%, mentre la rupia indonesiana registra un aumento dell’1,40%.
Gli operatori azionari hanno reagito positivamente alla prospettiva di condizioni di politica monetaria accomodante sul lungo periodo e hanno spinto al rialzo i titoli azionari degli Stati Uniti. L’S&P 500 segna +0,56%, il Nasdaq +0,75% e il Dow Jones +0,43%. In Asia, la negoziazione sui mercati azionari regionali è stata in linea di massima più elevata, fatta eccezione per le azioni giapponesi che hanno sfiorato livelli leggermente inferiori. Le azioni della Cina continentale fanno registrare forti guadagni con lo Shanghai Composite che guadagna l’1,20%, mentre il Shenzhen Composite è salito del 3,56%. I futures europei puntano ad un’apertuta superiore.
Attualmente, gli operatori osservano l’indice dei prezzi alla produzione e all’importazione, la decisione sui tassi SNB dalla Svizzera; IPC dalla zona euro; la decisione sui tassi della BoE; la bilancia dei pagamenti attuale, le prospettive sull’attività della Fed di Philadelphia, le richieste iniziali di sussidi alla disoccupazione e l’indice di riferimento dagli Stati Uniti; la produzione industriale e di oro e le riserve forex dalla Russia; la decisione sul tasso di interesse dal Sud Africa e dalla Norvegia.

Buona Giornata.

Advertisements

About FxCox™

‎Portfolio Manager.
This entry was posted in Fx Market. Bookmark the permalink.